Torna alla lista

#344 Maggio – Giugno 2019

Questo numero di Flash Art è dedicato alla 58a Esposizione d’Arte La Biennale di Venezia. A partire dall’immagine inedita di copertina di Liliana Moro, protagonista del Padiglione Italia.

Leggi tutto
€8
[50]
[70]
[70]
[70]
[70]

Questo numero di Flash Art è dedicato alla 58a Esposizione d’Arte La Biennale di Venezia. A partire dall’immagine inedita di copertina di Liliana Moro, protagonista del Padiglione Italia.

Emanuela De Cecco ripercorre la produzione di Moro, una pratica che parte dal sé e vive nella messa in relazione – “con le immagini, gli oggetti, il mondo”.

inDialogo raccoglie le interviste ad alcuni protagonisti: Ralph Rugoff curatore della 58° Biennale, Milovan Farronato curatore del Padiglione Italia, e Martin Bethenod direttore di Palazzo Grassi.

Marina Fokidis riflette sulle contraddizioni insite nell’oggi, soffermandosi sull’incoerenza di alcuni discorsi postcoloniali entrati in voga nelle pratiche curatoriali attuali.

L’artista Eugenio Tibaldi, al Padiglione Cuba, conversa con Simone Ciglia sulla periferia e le sue dinamiche sociali, economiche e geopolitiche.

brandNew è dedicata a Namsal Siedlecki, artista statunitense residente in Italia che negli ultimi anni si è contraddistinto per la ricerca sulla materia e i suoi passaggi di stato.

Elena Sorokina ha lavorato su Peter Halley, che presenta Hetorotopia I, una grande mostra installazione ai Magazzini del Sale dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, a cura di Gea Politi e prodotta da Flash Art.

Il testo d’archivio è sempre dedicato a Halley, con una lunga intervista di Giancarlo Politi, assieme a Helena Kontova e Giacinto Di Pietrantonio, giusto una settimana prima la caduta del Muro di Berlino.

Marcella Campagnano conversa con Marco Scotini sulla decostruzione del canone femminile attraverso la macchina fotografica.

La pratica di Laure Prouvost – al  Padiglione Francese – è descritta da Lillian Davies tra elementi naturali e radici del suo vissuto.

inBilico presenta Una produttiva sottrazione, con un testo di Maria Giovanna Mancini che mette in conversazione Francesco Matarrese, il Collettivo Informale Sahara Occidentale, e Silvia Hell. La sottrazione diventa gesto produttivo per interrogarsi sullo statuto dell’immagine.  

RECENSIONI → ◯ Emil Michael Klein ◯ Il Soggetto Imprevisto.1978 Arte e Femminismo in Italia ◯ Emilio Tadini ◯ Hans Josephsohn ◯ Broken Nature: Design Takes on Human Survival ◯ Birgit Jürgenssen ◯ Jac Leirner ◯ Harald Szeemann ◯ Joan Jonas ◯ Luc Tuymans ◯ Claire Fontaine ◯ You Got To Burn To Shine ◯ Sylvie Fleury ◯ If It Is Untouchable It Is Not Beautiful ◯ Niccolò de Napoli ◯ Pietro Paolini