Torna alla lista

#339 Maggio – Giugno 2018

Questo numero invita ad approfondire le pratiche artistiche dei tre finalisti del MAXXI BVLGARI Prize: Talia Chetrit, Invernomuto e Diego Marcon, dedicando loro tre contenuti e tre rispettive copertine.


“Ciò che caratterizza l’approccio di Invernomuto è la volontà di non accontentarsi di operare una decostruzione delle narrazioni dominanti alla maniera degli “artisti etnografi”. Bertuzzi e Trabucchi cercano piuttosto di rimettere in circolo l’agency di questi elementi, resi inoffensivi dall’oblio e dalla disillusione delle battaglie perse.” 


— Charlotte Laubard

Leggi tutto
€8

 

[50]
[70]
[70]
[70]

Questo numero invita ad approfondire le pratiche artistiche dei tre finalisti del MAXXI BVLGARI Prize: Talia Chetrit, Invernomuto e Diego Marcon, dedicando loro tre contenuti e tre rispettive copertine.


“Ciò che caratterizza l’approccio di Invernomuto è la volontà di non accontentarsi di operare una decostruzione delle narrazioni dominanti alla maniera degli “artisti etnografi”. Bertuzzi e Trabucchi cercano piuttosto di rimettere in circolo l’agency di questi elementi, resi inoffensivi dall’oblio e dalla disillusione delle battaglie perse.” 


— Charlotte Laubard

News:
Manifesta 12, Palermo a cura di Cristina Costanzo

Letture:
Marshall Plan Modernism e Bruno Munari

In memoria:
Betty Woodman (1930 – 2018)
di Vincenzo De Bellis

In primo Piano:
La costruzione dell’intimità nelle fotografie di Talia Chetrit
Intervista di Sabrina Tarasoff 
“Credo che non sia possibile conoscere veramente qualcuno attraverso l’obbiettivo fotografico. Ma la presenza della macchina fotografica può sia creare che rivelare delle vulnerabilità in chi fotografo (e a volte si tratta di me stessa), dando così accesso alla comprensione.” 

— Talia Chetrit

Ibridazioni culturali nelle opere di Invernomuto
di Charlotte Laubard

Apparizioni e sparizioni nei film e nei video di Diego Marcon
di Michele D’Aurizio
“È la comicità che emerge dal reiterato fallimento di evasione dalla condizione umana che, paradossalmente, libera i personaggi di Marcon dall’impaludarsi nella Geworfenheit: essi saranno pure “gettati” nel mondo, ma riconoscono la natura patetica della loro esistenza.” 

— Michele D’Aurizio

Un itinerario tra le carte di Filiberto Menna
di Maria Giovanna Mancini

Kerstin Brätsch introduce i suoi nuovi lavori in “stuccomarmo”
intervista di Davide Stucchi

La poesia visiva di Ketty La Rocca
di Raffaella Perna

Michele Rizzo
di Simone Frangi

Il viaggio è un’arte dalla geografia elastica: Franco Vaccari, Giovanna Silva e Antonio Rovaldi
di Marinella Paderni

Recensioni:
Franco Mazzucchelli al Museo del Novecento, Milano; Amedeo Martegani da Galleria Milano, Milano; Lupo Borgonovo da Monica De Cardenas, Milano; Adam Gordon da Zero…, Milano; Mathilde Rosier da Raffaella Cortese, Milano; Tino Stefanoni da Robilant+Voena, Milano; Lara Favaretto da Franco Noero, Torino; Alighiero Boetti a Palazzo Mazzetti, Asti; Albert Oehlen a Palazzo grassi, Venezia; The Olivetti Idiom, a NYU Florence – Villa Sassetti, Firenze; Matteo Fato alla Galleria Nazionale delle Marche, Urbino; Cesare Tacchi a Palazzo delle Esposizioni, Roma; Dario Passi alla Nomas Foundation, Roma; Bertille Bak da The Gallery Apart, Roma; Pompei@Madre al MADRE, Napoli; Ivano Troisi da Nicola Pedana, Caserta; Uriel Orlow da Laveronica, Modica (RG).